Warning: array_merge_recursive(): Argument #2 is not an array in /home/customer/www/primierohiking.com/public_html/wp-content/plugins/acf-typography-field/includes/functions.php on line 88
Leslie Stephen

Leslie Stephen

Dettagli

Località Fiera di Primiero
Caratteristiche Primiero, Val Canali, Val Pradidali, Pale di San Martino
Condizioni del percorso Ben segnalato, su sentieri e strade forestali, eccetto la Via Normale per la Cima di Ball (tratti in primo grado)
Grado di esposizione 4/5
Terreno (Bosco) 50%
Terreno (Prato) 5%
Terreno (Roccia) 30%
Terreno (Urbano) 15%
Lunghezza 29.5 km
Durata 12h
Dislivello positivo 2 400 m
Dislivello negativo 2 400 m
Altitudine massima 2 802 m
Altitudine minima 710 m
Parcheggio Macchina 46.176143, 11.829880

Start

Google-Maps-256

 Hiking boots  Map recommended

Descrizione

Sarebbe probabilmente banale ed irrispettoso descrivere questa come un’escursione qualsiasi. Le sue circostanze e la memoria alpinistica in generale necessitano uno sforzo maggiore da parte nostra. Prerogativa per affrontare questo itinerario è quella di sforzarsi di fare un salto nel passato, più precisamente nell’Agosto del 1869, quando l’alpinismo era un fenomeno escluso ai più, che però riusciva ad attrarre e stregare menti brillanti della migliore borghesia londinese.

Tra i primi membri dell’Alpine Club di John Ball, fondato nell’Ashley’s Hotel di Londra nel 1857 e cardine di quella che passerà alla storia come la Golden Age dell’alpinismo (1854-1865), c’era il giovane Leslie Stephen, che ne divenne presidente dal 1865 al 1868.

Sposato ormai da due anni con Harriet Marian Thackeray, alla soglia dei 40 anni, mentre prendeva accuratamente appunti per la stesura di quello che poi diventerà uno dei classici dell’alpinismo (i.e. The playground of Europe), Leslie si trovò nel territorio inesplorato del Primiero

“[…] I read […] that the mighty Tuckett himself, and the equally mighty Melchior Anderegg, had pronounced the peaks of Primiero to be inaccessible”

Sbalordito dalle cime che ammirava da Fiera, mentre si preparava ad affrontare un’altra impresa alpinistica, Leslie scrisse:

“I stood silent before the peaks of Primiero, and saw in them a new land, still untouched by the foot of the tourist.”

Era forse questo il motivo che lo spinse, quella mattina di agosto, a lasciare l’albergo dove pernottava (Aquila Nera, a Fiera di Primiero), alla ricerca solitaria di nuovi orizzonti e cime inesplorate, in quello che in cuor suo sapeva essere un territorio costellato da fantastiche cime affilate che aspettavano soltanto di essere scalate.

“I was alone (at 6.45 A.M. on a brilliant morning of August 1869) in the quiet street of the lovely little town of Primiero. […] Above the meadows of the Primiero valley there rises a long slope, first of forest and then of alp, to the foot of the mighty peaks which spring at one bound to a height of some ten thousand feet. Behind them (ndr Sass Maor, Cimerlo, Madonna), I knew, lay a wilderness of partially explored summits, with sides as steep as those of a cathedral and surrounded by daring spires and pinnacles, writhing into every conceivable shape and almost too fantastical to be beautiful.”

L’Alpine Club di Londra si era tenuto a distanza dall’esplorare le Pale di San Martino, ma ciò non costituiva alcun problema per Leslie, anzi, ne alimentava il desiderio di intraprendere quel cammino.

“The Primiero peaks seem to have a double measure of enchantment; some strange magic had held the Alpine Club at a distance. […] I had a Spanish wine-bottle slung around me, a crust of bread in my pocket, and an ax in my hand; but alone, and determined to come back in one piece […] I shall not even assert […] that at any given point a false step might have broken my neck.”

Con il minimo indispensabile e perfettamente consapevole dei possibili rischi, Leslie partì quindi alla volta della Val Canali, ammirandone stupefatto gli ampi prati, passando ai piedi del Castel Pietra.

“My way led at first along a good road, to the foot of the castle of La Pietra. […] This valley, called the Val di Canale, stretches north-east-ward into the heart of the mountains […] Such a meadow as that I was crossing would have been simply a commonplace pasturage in Leicestershire. Contrasting it with the mighty cliffs that enclosed it on every side, it was a piece of embodied poetry. […] only it was such a park as we may hope to meet in the Elysian fields […] I was evidently contemplating one of the great scenic effects of the Alps, not, to my taste, rivalling Grindelwald,  Macugnaga , or Courmayeur, but yet in its own style almost unique. The huge barrier before me was the defence of that fairyland into which I was seeking entrance. The cliffs rose abruptly and with tremendous steepness”

Durante l’ascesa lungo la Val Canali, Leslie decise di seguire la linea fornita dalla Val Pradidali e, allora come oggi, la salita verso il posto che più tardi ospiterà il Rifugio Pradidali fu alquanto impervia e faticosa, tanto che pensò ad un certo punto di fermarsi e godersi semplicemente il panorama, anziché procedere.

[…] I thought it best to enter the broadest and most accessible of these gashes, which lay immediately behind the Sas Maor, and is known as the Val di Pravitali. […] By following this route I should at least pass through the very heart of the mountains. […] In the gully which I was speedily climbing, there was not a breath of air. I was in good training, but without the stimulating effect of company […] Why not break the mountaineer’s code of commandments? Why not sit down in the first bit of shade, to smoke my pipe and admire the beauties of nature?”

Dopo questo primo tratto, a 5 ore dalla partenza, un perplesso ma incantato Leslie Stephen giunse – presumibilmente – nella conca che dal Rifugio Pradidali porta al Passo di Ball, dove stette ad ammirare le cime circostanti, non nascondendo un forte dubbio sulla riuscita della sua traversata data la totale assenza di linee di ascesa logiche. A quel punto Leslie individuò una cima, a sud, che gli avrebbe permesso di avere una visuale sulle forme geografiche circostanti, consentendogli quindi di pianificare il rientro a valle.

“A few minutes more and I entered a very remarkable grassy plain, on which I shall again have occasion to speak, and after five hours’ walk from Primiero, sat down on the col I have mentioned to determine my future course. […] I was fairly perplexed and bewildered. On every side there were gigantic cliffs soaring pinnacles, and precipitous ravines. […] The fantastic Dolomite mountains rose all around me in shapes more like dreams than sober realities […] I was at the foot of the promised peaks […] I could not even guess which was the right line of assault, and in which direction the main summits lay. I might descend the ravine which I saw plunging rapidly downwards amongst the roots of the mountains on the other side of the col, but by such a course I should see no more […] After some reflection and hesitation it became obvious that the single fact of which I could confidently rely was that the great mass of rock to the south, on my left hand, must intervene between me and the valley of Primiero. If it were possible to climb it, I should get a more distinct view of the mountains to the north, and might possibly find a short cut home across the ridge.”

Nonostante i dubbi, ma fortemente determinato nel riuscire ad arrivare sulla dorsale –  da dove immaginava di poter attaccare la cima individuata –  aiutandosi con la piccozza proseguì nella neve su una rampa che dal Passo di Ball lo portò alla Forcella Stephen

“I ascended rapidly, cutting a step or two in one place, and on reaching the head of the snow, I took to the ridge of rocks at the point where a very remarkable pinnacle of great height rises […]”

Dalla forcella, guardando a sud, Leslie poteva ammirare il pennacchio e la Cima di Ball (allora anonima) nella sua interezza. Ma a questo punto il problema delle tempistiche sfiorò la sua mente, senza fargli abbandonare però l’idea di salire sulla vetta (dalla sua descrizione – presumibilmente – lungo l’attuale “Via Normale”).

“It was growing late, and I had reason to suppose that my absence, if much prolonged, might cause some anxiety to those I had left at Primiero. I resolved that I would turn back under any circumstances at 2.30 […]”

Giunto sulla cima, guardando le bellissime cime del Sass Maór e della Madonna a sud, Pradidali ad est e Val di Roda con tutto l’altopiano sullo sfondo a nord, Leslie cominciò a fantasticare sul come scalare il Sass Maór (impresa che riuscì qualche anno più tardi, nel 1875). 

“If I had limited my reflections to the question of ascending the Sas Maor, I should have simply returned by the way I came. Another plan, however, occurred to me with irresistible force. The rockets were so good that I inferred the possibility of descending straight to the Primiero valley, i.e. by the opposite ridge of the mountain to that which I had climbed.”

Insieme a questi pensieri, però, forse alimentato dal fatto che potesse scorgere all’orizzonte l’intera vallata del Primiero, gli sopravvenne la folle idea di chiudere il suo percorso tagliando e scendendo dal versante opposto rispetto a quello dell’ascesa, evitando di ripetere l’estenuante traversata della Val Pradidali, calandosi (presumibilmente!) sulla Forcella del Portón.

“I could see the Primiero valley in its whole length, lying almost at my feet […] I might reach the valley in a very short time, and save the trouble of descending the tiresome Val di Pravitali.”

Leslie intraprese la discesa scalando sulle rocce non senza incontrare problemi, perdendo anche la piccozza e trovando inaspettate e pericolose pareti.

“It is an unpleasant peculiarity of the Dolomite mountains that such vertical walls of rock, which of course are invisible from above, frequently run for great distances around the base of the peaks. […] I must probably have spent the night upon the rocks. […] I was quite certain that I could not climb back. To be imprisoned on such a ledge would be no joke”

Giunto sull’altro lato della dorsale, Leslie rientrò a Fiera di Primiero all’imbrunire, dopo “12 ore interessanti di camminata”.

“The valley by which I ultimately effected my descent is that which descends from the col between the Sass Maor and the peak (to the north-west) which I had just climbed. […] I ultimately reached Primiero soon after dark, having had an interesting twelve hours’ walk”

Fu lo stesso Leslie Stephen, successivamente come scrisse nel suo libro, a proporre il nome di Mr. Ball alla vetta che raggiunse in questo lungo itinerario (poi ufficialmente proposto da Herr Suda ed approvato con il nome di Cima di Ball), in segno di riconoscenza per avergli fornito tutte le informazioni ed i suggerimenti necessari per concludere la sua impresa.

 

Da oltre due anni abbiamo cercato di documentare questo affascinante itinerario, notato per la prima volta sul libro “Camminare” di Scalet. La nostra ambizione è quella di proporlo, con le opportune modifiche in modo da adattarlo agli escursionisti, rendendolo qualcosa di unico, riservato ai pochi che siano in grado di godersi questo giro anche in chiave di lettura storica, attraverso le bellissime parole di Leslie Stephen, pensando che all’epoca non c’erano né mappe accurate, né attrezzatura moderna, né sentieri… 

Il percorso che proponiamo non è perfettamente fedele all’originale, anche perché sarebbe quasi impossibile seguire le stesse linee. Abbiamo quindi variato alcuni passaggi in modo tale da renderlo appetibile a tutti gli escursionisti con una certa esperienza. Se vi sentite particolarmente ispirati dalle parole di Leslie, però, potete sempre fare come noi e partire alle 6.45 A.M. da Fiera di Primiero!

 

Sentieri

 

  • Da Piazza Cesare Battisti (710 m slm, Fiera di Primiero), percorrere Via Terrabugio, attraversare il Torrente Cismón e procedere sul lungo argine del Torrente Canali fino a Tonadico,
  • Da Tonadico (750 m slm), prendere il Sentiero No. 734, lasciandolo al bivio poco dopo la Chiesa di San Vittore ed imboccando il sentiero che, procedendo in costa, porta al Sentiero No. 719,
  • Salire lungo il Sentiero No. 719 fino ai Prati Piereni, per poi procedere lungo la strada forestale “Fratte” fino a giungere alla località Pedemonte / Portèla,
  • Da Pedemonte (1.640 m slm), seguire il Sentiero No. 709 in direzione Rifugio Pradidali,
  • Dal Rifugio Pradidali (2.278 m slm), procedere sul Sentiero No. 715 in direzione Passo di Ball,
  • Dal Passo di Ball (2.443 m slm), salire lungo il Sentiero No. 714 (Via Ferrata “Nico Gusella”) fino ad arrivare alla Forcella Stephen,
  • [DEVIAZIONE] Raggiungere la Cima di Ball (2.802 m slm) percorrendo la Via Normale,
  • Dalla Forcella Stephen (2.705 m slm), procedere in discesa lungo il Sentiero No. 714 (Via Ferrata “Nico Gusella”), poi lungo il Sentiero No. 739 (Via Ferrata del Velo) fino ad arrivare al Rifugio Velo della Madonna,
  • Dal Rifugio Velo della Madonna (2.358 m slm), scendere lungo il Sentiero No. 713 “Lasta Moia” fino al bivio presso i ruderi di Malga Sóra Rónz,
  • Dal bivio presso i ruderi di Malga Sóra Rónz, procedere lungo la strada forestale in direzione Prati Ronzi,
  • Dai Prati Ronzi, scendere lungo la strada asfaltata verso Sirór,
  • Da Sirór (765 m slm), scendere lungo la ciclabile che porta a Fiera di Primiero, passando per il Parco Vallombrosa. ✓

 

Bibliografia

 

  • Stephen, L. (1871), The Playground of Europe. Longmans, Green and Company.
  • Scalet, S. (2013). Camminare. Sentieri nelle valli di Primiero, San Martino, Pale di San Martino, Rolle e Vanoi. Versante Sud.
Strava
GPX

  GALLERY